fbpx
Categorie
Archivio contenuti
 

Muffin senza glutine alle mele di Arignano soffici e gustosi

Muffin senza glutine alle mele di Arignano soffici e gustosi

Sulle colline del Monferrato, nella zona attorno al paese di Arignano, cresce una straordinaria varietà antica di mele perfette per i miei muffin senza glutine: sono le Mele di Arignano, anche conosciute come Pom d’Argnan. Ho avuto la fortuna di averne qualcuna in casa: sono piccole, profumatissime e tutte diverse tra loro, nelle varie sfumature di rosso e giallo. Mi piaceva l’idea di usarle per un dolce.

Non so bene da dove iniziare per raccontarvi di questa ricetta. Però avevo queste mele deliziose in casa e volevo dare una ricetta gluten-free alla mia amica Martina, che dice che i dolcini senza glutine confezionati sono spesso un po’ troppo compatti per i suoi gusti. Il dramma dei dolci, per chi ha problemi con alcuni degli ingredienti con cui normalmente sono fatti, è che dovunque si cerchi di comprarli, è difficile trovarne adatti a sé. Così ho inventato la mia ricetta dei muffin senza glutine alle mele.

La cosa più bella è che, grazie ad un venerando legume (“Santo” Cece), l’impasto è spumoso e soffice, proprio come se avessi usato il bianco d’uovo! Zucchero, latte e burro? Neanche a parlarne! Il risultato è un dolce profumato e sofficissimo, con meno calorie, meno zuccheri e meno grassi di molte altre ricette che si trovano in giro e adatto anche a chi deve rinunciare a qualche ingrediente tipico dei dolci! Martina mi conferma che il risultato è perfetto! E voi, cosa ne pensate?

muffin senza glutine

2

Difficoltà (da 1 a 3)

3,11 €

Costo totale

45 min

Tempo di Preparazione

30 min

Cottura

Attrezzatura necessaria

Grattugia per buccia di limoni, mortaio, casseruola piccola, 2 contenitori rotondi a bordi alti, frusta, sbattitore elettrico, coltello piccolo a lama liscia, 8 stampini in silicone da circa 6 cm di diametro.

Preparazione

Ingredienti

per 8 muffins (da 60-65 g circa)

Per l’Aquafaba

  • Barattolo di ceci biologici in vetro (per l’aquafaba vi serviranno 60 g di liquido scolato)
  • Succo di limone – qualche goccia
  • Sale marino integrale di Sicilia – 1 pizzico

Per il resto dell’impasto

  • Foglie di stevia tritate – meno di 1, 5 cucchiaini (1,28 g)
  • Eritritolo – 27 g (1,5 cucchiai)

(Vi mancano Stevia e eritritolo? Potete usare 110 g di zucchero o 35 g circa di Stevia Truvia Eridania o Dietor)

  • Farina senza glutine Mix it Schar – 145 g
  • Latte di soia senza zucchero – 112 g
  • Succo di mela – 65 g
  • Olio di girasole desodorato – 15 g
  • Olio e.v.o. – 15 g
  • Scorza di limone – 6 g (da un limone grosso)
  • Succo di limone – 20 g
  • Aroma vaniglia – 2/3 di bacca oppure 2/3 di fialetta da 2 g
  • Lievito chimico per dolci – 8 g (2 cucchiaini)
  • Mele a fettine – 160 g

Per la decorazione

Perché vi consiglio questa ricetta?

  • L’aquafaba è ottenuta dai ceci biologici e vi permette di fare a meno delle uova se siete allergici o se siete vegani! E’ davvero straordinaria.
  • L’eritritolo e la stevia sono due dolcificanti naturali, ottimi al posto dello zucchero. Hanno zero calorie e zero zuccheri… non è meraviglioso?
  • Le mele grazie al loro basso indice glicemico, sono un frutto adatto ai diabetici. Hanno così tante proprietà benefiche che non riuscirei a scriverle tutte! Una però molto importante è che, grazie all’elevata quantità di pectina (una fibra solubile) le mele riducono i livelli di colesterolo nel sangue.
  • Guardate la tabella nutrizionale sotto per convincervi che questi muffins sono assolutamente da provare! Vi interessa sapere che hanno il 30% di calorie e grassi in meno rispetto alla ricetta tradizionale?

FASE 1: LA PREPARAZIONE DELL’AQUAFABA

Scolate il liquido dei ceci biologici in un contenitore rotondo a bordi alti e mettetelo in freezer per 5 minuti a raffreddarsi (passaggio fondamentale). Quindi versate dentro qualche goccia di limone e un pizzico di sale e montate a neve con lo sbattitore elettrico a massima velocità. In meno di 3 minuti avrete ottenuto l’equivalente del bianco d’uovo montato a neve! Quello che vi serve per ottenere dei muffin senza glutine super soffici! Tenete in frigorifero fino al momento dell’uso (se per caso perde un po’ di volume, potete usare di nuovo lo sbattitore elettrico).

muffin senza glutine

FASE 2: LA PREPARAZIONE DELL’IMPASTO DEI MUFFIN SENZA GLUTINE

Se volete sapere come ottenere a casa vostra le foglie di stevia essiccate cliccate qui (potete anche comprarle già secche). Sminuzzatele in polvere con il mortaio.
Prendete i limoni, grattatene la scorza di limone e tenetela da parte. Spremete il succo e togliete i semi.
Sbucciate le mele e tagliatele a spicchi molto sottili (spremete sopra un po’ di succo di limone per non farle annerire).

muffin senza glutine

Mettete il latte in una casseruola insieme alla bacca di vaniglia, incisa per lungo, e portate a bollore. Togliete dal fuoco e lasciate riposare 15 minuti circa. Unite anche l’eritritolo al latte caldo e mescolate, in modo che si sciolga. Aprite quindi la bacca e trasferite il più possibile i piccoli puntini neri nel latte (se invece avete l’aroma di vaniglia già pronto, lo verserete dopo nel contenitore dell’impasto). Versate quindi nella casseruola il succo di mela e girate ancora.
Mettete nel contenitore a bordi alti la farina senza glutine e versate sopra il liquido della casseruola che avete appena preparato. Aggiungete, le foglie di stevia in polvere, la scorza di limone e l’aroma di vaniglia (se non avete usato la bacca), l’olio di girasole e l’olio e.v.o. e mescolate energicamente con la frusta o lo sbattitore elettrico. Aggiungete infine il succo di limone (e mescolate ancora); in ultimo il lievito (mescolate energicamente con lo sbattitore).
Finalmente è ora di aggiungere l’aquafaba! Versatene un po’ alla volta nell’impasto e mescolate delicatamente con la frusta, con movimenti dal basso verso l’alto, fino a quando non sarà tutta incorporata.

muffin senza glutine

Accendete il forno a 170° C (ventilato), e versate l’impasto negli stampini di silicone (o in qualsiasi altro stampo che vi piaccia). Affondate le fettine di mela in senso verticale.

muffin senza glutine

FASE 3: LA COTTURA DEI MUFFIN SENZA GLUTINE

Abbiamo già detto che il forno andava acceso a 170° C in modalità ventilata. Ora che è caldo, infornate gli stampini e fate cuocere per 30 minuti (se scegliete un unico stampo grande, aumentate di almeno 5 minuti il tempo ed eventualmente abbassate la temperatura a 160° C verso la fine, per non far bruciare la parte alta).
A fine cottura, lasciate tutto nel forno semiaperto per mezz’ora circa, poi sfornate.

FASE 4: LA DECORAZIONE

Per abbellire li vostri muffin senza glutine, potrete anche spolverare sopra l’eritritolo “a velo”. Non lo trovate in vendita, ma potete ottenerlo voi a casa, polverizzando i granelli alla massima velocità con il robot tritatutto (scegliendo l’elemento che trita anche la frutta secca). Se non lo avete, una spolverata di zucchero a velo vero non sarà un delitto, no?

muffin senza glutine

Vuoi approfondire i valori nutrizionali di questa ricetta ?

Ho confrontato 100 g di impasto della mia ricetta Insolita con la stessa quantità di un muffin fatto in casa con farina bianca, latte, burro, uova e zucchero. Può essere che quello tradizionale sia un po’ più buono, ma chi ha assaggiato il mio era molto soddisfatto. Varrà la pena trovare quindi un’alternativa? Provare per credere…

  100 g della ricetta Cuoca Insolita100 g di un muffin con ingredienti tradizionaliDifferenza 
EnergiaKcal175,2246,0-28,8%😀
Grassig5,58,0-31,2%😀
di cui saturig0,94,5-79,5%😀
Carboidratig29,439,7- 25,8%😀
di cui zuccherig6,022,7- 73,4%😀
Fibreg1,31,0+ 26,8%😀
Proteineg2,03,8- 48,2%
Saleg0,10,10 %

Sono una ex ricercatrice universitaria e mi è rimasto il pallino di dimostrare le cose in modo scientifico: guardate la tabella ma poi dimenticatevela!
Serve solo per farvi vedere che potete mangiare questa insolita ricetta senza fare calcoli! E’ invece molto utile per fare il conteggio dei carboidrati per i diabetici, se dovete calcolare l’insulina da prendere.

Allergeni presenti in questa ricetta

(Reg. UE 1169/11)

Verificate sempre le informazioni sull’etichetta dei prodotti che avete acquistato voi, per assicurarvi che non ci siano anche altri allergeni (in aggiunta a quelli che ho indicato io)!

Soia
Soia
Nessun Commento

Lascia un tuo commento

Mi trovi su INSTAGRAM e su FACEBOOK

Hai bisogno di aiuto? O di una consulenza? Sono a tua disposizione!