fbpx
Categorie
Archivio contenuti
 

Ravioli vegan con ortiche di montagna e semi di zucca buonissimi!

Ravioli vegan con ortiche di montagna e semi di zucca buonissimi!

Per la ricetta dei miei ravioli vegan ho scelto un ingrediente davvero speciale. Un ingrediente insolito aromatico e molto saporito: l’ortica!

Sapete già che nell’ultima parte delle mie vacanze di quest’estate sono stata in montagna. In cucina a volte si parla di ortiche nella frittata, nei ravioli, o nelle minestre… Ma dove trovarle? Lì, in montagna, bastava guardarsi attorno ed erano lì, pulite, fresche, sotto il sole. Anche di fianco a casa. Ho dovuto spiegare bene a mio figlio che “quelle pungono” e che non bisogna mai toccarle. Così come con le vipere, perché ne abbiamo vista una di fianco a casa. Gulp…
Comunque, l’ultimo giorno di vacanze, mi sono infilata le maniche della giacca a vento nelle mani e, proteggendomi come se avessi dei guanti, ho raccolto almeno 1 kg di ortiche durante una passeggiata! Ho fatto una buonissima frittata e poi ho voluto provare questa ricetta di pasta fresca molto sfiziosa. Ci vuole tempo per preparare questi ravioli vegan, ma dopo che ho calcolato i valori nutrizionali e li ho confrontati con quelli di una confezione di ravioli trovati al supermercato… beh… (Andate a vedere qui sotto perché vi consiglio questa ricetta!). La differenza è impressionante!

3

Difficoltà (da 1 a 3)

8,37 € (3,12 €, se raccogliete voi le ortiche)

Costo totale

1h 45 min

Tempo di Preparazione

2 - 3 minuti

Cottura

Attrezzatura necessaria

Guanti di gomma per le ortiche, casseruola da 20 cm di diametro, minipimer, un contenitore a bordi alti, pellicola per alimenti, padella da 24 cm, tagliere e coltello a lama liscia, 1 bacchetta cinese o una matita, macchina per la pasta tipo Impera, robot tritatutto per i semi di zucca, un grosso tagliere di legno o un ripiano su cui tagliare i ravioli, un pennellino, una rotella taglia-pasta.

Ingredienti

per 4 persone (600 g circa)

Per la pasta fresca (circa 250 g di impasto)

  • Farina farro integrale – 75 g
  • Farina semola – 75 g
  • Ortiche lessate e strizzate – 20 g (da fresche sono circa 50 g)
  • Acqua – 70 g
  • Olio e.v.o. – 2 cucchiaini colmi (6-7 g)
  • Sale fino integrale di Sicilia – 5 pizzichi

Per il ripieno (per 400 g circa di ripieno)

Per i finocchi del ripieno:
  • Finocchi estivi puliti – 250 g
  • Olio di oliva – 2 cucchiai (16 g)
  • Aglio – 1 spicchio (5 g)
  • Sale fino – 2 pizzichi abbondanti (0,6 g)
  • Pepe nero – 1 pizzico (0,3 g)
Per le ortiche del ripieno:
  • Ortiche lessate e strizzate – 115 (da fresche sono circa 300 g)
  • Sale fino integrale di Sicilia – 2 pizzichi
  • Olio di oliva – 1 cucchiaio abbondante (12 g)
  • Aglio – 1 spicchio (5 g)
Per il resto del ripieno:
  • Pomodoro cuore di bue – 280 g
  • Fecola di patate – 2 cucchiai colmi (35 g)
  • Sale fino – 2 pizzichi abbondanti (0,6 g)
  • Pangrattato integrale – 2 cucchiai (20 g)
  • Semi di zucca – 25 g
  • Lievito alimentare in scaglie (opzionale) – 1 cucchiaio (15 g)

Perché vi consiglio questa ricetta?

  • Avrete un bel piatto abbondante e saziante, ma con pochissime calorie (- 57%), grassi (- 69%), carboidrati (- 43%) rispetto a dei ravioli tradizionali preparati con burro, formaggi, e uova.
  • Se questo non vi basta, i semi di zucca sono anche ricchi di fitosteroli, utili a tenere bassi i livelli di colesterolo nel sangue.
  • Le ortiche sono ricche di acido folico, ferro e altri sali minerali (fosforo, magnesio, calcio, manganese e potassio); di vitamine A, C e K, che la rendono remineralizzante, ricostituente e tonificante. Hanno un’azione depurativa, diuretica, alcalinizzante e antiemorragica.
  • Se usate localmente, sono anche un potente antinfiammatorio a livello articolare (ricordo che mia nonna da giovane si fustigava le gambe con le ortiche, ma è una pratica che vi sconsiglio!!).

Preparazione

FASE 1: LA LESSATURA DELLE ORTICHE

Per la preparazione dei ravioli vegan, iniziamo subito dalla cottura delle ortiche. Vi consiglio di abbondare un po’ con la quantità delle ortiche, in modo da essere sicuri che dopo la cottura abbiate la quantità che vi necessita per la ricetta. Più o meno, se partite dalle ortiche fresche ancora da mondare, calcolate un po’ meno del triplo di peso rispetto a quello indicato nella mia ricetta (es. 20 g di ortiche lessate e strizzate si ottengono da circa 55 g di ortiche fresche, ancora con il gambo).

 

ravioli veganIndossate i guanti di gomma e lavate i rametti delle ortiche sotto l’acqua. Separate quindi le foglie. Riempite la casseruola di acqua e portate a bollore. Immergete le foglie per 5 minuti, quindi scolate e lasciate raffreddare. Strizzatele con le mani in modo da allontanare l’acqua in eccesso.

FASE 2: LA PASTA FRESCA DEI RAVIOLI VEGAN

Mettete in un contenitore a bordi alti le due farine, il sale e l’olio e.v.o. Mettete le ortiche lessate e strizzate nel bicchiere del minipimer e unite l’acqua a temperatura ambiente. Frullate finemente e versate il composto nel mix di farine. Amalgamate il tutto e lavorate velocemente la palla con le mani per circa 10 minuti, su un piano di legno. Vi accorgerete che, a mano a mano che passa il tempo, la superficie diventerà setosa e morbida. Formate quindi una palla, avvolgetela in un foglio di pellicola e lasciate riposare per almeno 30 minuti a temperatura ambiente.

ravioli vegan

ravioli vegan

FASE 2: IL RIPIENO DEI RAVIOLI VEGAN

Lavate i pomodori e incidete la buccia, quindi immergeteli in acqua bollente per 3-4 minuti fino a quando la buccia si sarà parzialmente sollevata. Scolateli e raffreddateli sotto l’acqua, quindi spelateli (potete togliere i semi se volete) e frullateli nel bicchiere del mixer insieme alla fecola di patate.

Tagliate i finocchi in quattro e togliete il fondo. Lavateli e tagliateli a fette sottili 1 cm circa. Fate cuocere a vapore per 10 min (5 min in pentola a pressione). Mettete l’olio di oliva nella padella e scaldatelo, aggiungete lo spicchio d’aglio schiacciato e versate i finocchi. Fate rosolare per 5 minuti, poi aggiungete il pomodoro frullato con la fecola, il sale, il pepe e fate ridurre la salsa a fuoco moderato, fino ad ottenere un composto molto compatto (il tempo è variabile: può essere anche soltanto un paio di minuti). Togliete lo spicchio di aglio schiacciato e frullate al minipimer il composto.

Mettete le ortiche (lessate e strizzate) nella padella con olio di oliva caldo e l’aglio schiacciato. Lasciatele insaporire per circa 5 minuti, quindi salatele e togliete lo spicchio d’aglio.

Ora potete aggiungere gli ultimi ingredienti al ripieno dei vostri ravioli: unite il pan grattato integrale, i semi di zucca tritati a piccoli pezzi, le ortiche passate in padella e il lievito alimentare in scaglie. Mescolate con un cucchiaio e regolate di sale e pepe, se necessario.

FASE 3: LA PREPARAZIONE DEI FOGLI DI PASTA FRESCA

Vi consiglio caldamente di usare la macchina pasta facile (tipo Imperia), dotata di motore possibilmente… perché stendere a mano la pasta è, sì, possibile, ma diventerete vecchi…Prendete quindi dei pezzi da 30 g ciascuno e stendeteli a forma regolare di rettangolo, ad uno spessore intermedio, di vostro gradimento (non troppo sottile, sennò la pasta sarà troppo fragile). Ponete il foglio sul piano di lavoro, leggermente coperto di farina di semola solo sulla faccia inferiore. Coprite con la pellicola tutti i fogli a mano a mano che li preparate, in modo che non si secchino.

ravioli vegan

FASE 4: LA PREPARAZIONE DEI RAVIOLI VEGAN

Prendete un foglio di pasta e stendetelo sul tagliere cosparso di farina di semola. Con il cucchiaino sistemate su una metà del foglio di pasta, a file ordinate, circa 12 mucchietti di ripieno (4-5 g circa l’uno – mezzo cucchiaino). Con il pennellino, bagnate leggermente di acqua l’altra metà del foglio e ripiegatela sopra la parte con il ripieno, cercando di non formare bolle d’aria. Sigillate quindi i ravioli con le mani o con l’aiuto di una matita o una bacchetta. Tagliate i ravioli con la rotella taglia-pasta e disponete su della semola fino al momento della cottura.

ravioli vegan

FASE 5: LA COTTURA DEI RAVIOLI VEGAN

Cuocete in acqua bollente salata per 2-3 minuti. Scolate e condite a piacere. Vi consiglio di cospargerli con ancora un po’ di semi di zucca tritati, che daranno maggiore croccantezza!

Ed ecco i miei ravioli vegan, non sono bellissimi?

ravioli vegan

Vuoi approfondire i valori nutrizionali di questa ricetta ?

Confrontate 100 g della mia ricetta con la stessa quantità di ravioli freschi alle erbette che ho trovato confezionati al supermercato, composti da formaggi, burro, e uova nell’impasto.

  100 g di ravioli della Cuoca Insolita 100 g di ravioli con ingredienti tradizionaliDIFFERENZA 
EnergiaKcal108,9256,0-57,5%😀
Grassig3,410,8-68,8%😀
di cui saturig0,57,8-94,1%😀
Carboidratig15,527,2-42,8%😀
di cui zuccherig1,65,1-67,9%😀
Fibreg4,22,4+ 74,9%😀
Proteineg4,111,4- 64%
Saleg0,31,1-73,4%😀

Sono una ex ricercatrice universitaria e mi è rimasto il pallino di dimostrare le cose in modo scientifico: guardate la tabella ma poi dimenticatevela!
Serve solo per farvi vedere che potete mangiare questa insolita ricetta senza fare calcoli! E’ invece molto utile per fare il conteggio dei carboidrati per i diabetici, se dovete calcolare l’insulina da prendere.

Allergeni presenti in questa ricetta

(Reg. UE 1169/11)

Verificate sempre le informazioni sull’etichetta dei prodotti che avete acquistato voi, per assicurarvi che non ci siano anche altri allergeni (in aggiunta a quelli che ho indicato io)!

Anidride Solforosa e Solfiti
Anidride Solforosa e Solfiti
Cereali contenenti glutine
Cereali contenenti glutine

Potrebbe interessarti anche...

Nessun Commento

Lascia un tuo commento

Mi trovi su INSTAGRAM e su FACEBOOK

Hai bisogno di aiuto? O di una consulenza? Sono a tua disposizione!